marzialmente informati

 

Difesa personale come inizio?

Ci hanno insegnato che praticare Arti Marziali vuol dire anche sapersi difendere, essere in grado di poter affrontare ogni situazione contro qualunque aggressore. Poi ci hanno detto che coni corsi di autodifesa da 10 lezioni saremmo stati padroni di tecniche super-efficaci da usare “per strada”. E infine sono nati gli strumenti di difesa quali lame e punta da appendere al portachiavi, spray al peperoncino ecc…

A cosa si deve credere?

Chi vuole imparare a difendersi cosa deve fare? Quali sono i punti chiave su cui ragionare?

Prima di procedere nella lettura ricordati una cosa fondamentale: se vuoi saperti difendere è perché veramente ne senti l’esigenza, perché solo con la volontà e la determinazione si può pensare di apprendere una disciplina come questa, non è sufficiente frequentare in maniera distratta le lezioni nella speranza che l’insegnante ci infonda in suo sapere senza fatica. In fondo, se sentite l’esigenza di avvicinarvi ad un corso di questo tipo significa che avete paura di trovarvi in una situazione in cui sarete voi in prima persona a dover affrontare una situazione di pericolo, non lo farà il vostro insegnante per voi. Di conseguenza è bene fare una premessa: Se il nostro scopo è imparare a difenderci ci vuole tempo, costanza, impegno, allenamento fisico e mentale.

“Un corpo allenato è in grado di agire e reagire, una mente allenata è capace di affrontare le diverse situazioni di disagio.”

Alcune semplici regole:

1) Informazione

Sicuramente su internet troverai una grande varietà di tutorial dai titoli accattivanti, che hanno la presunzione di insegnarti a difenderti con cinque video-lezioni sull’argomento.
Ti chiedo una cosa: studieresti mai qualcosa che potrebbe salvarti la vita da un video? O ti rivolgeresti ad un professionista?E’ quindi necessario INFORMARSI! Scoprire quale palestra e quale corso frequentare è il primo passo da fare.

    • STEP 1: L’insegnante che esperienze ha sulla difesa personale? Ho modo di conoscere il suo curriculum? Fa costante formazione? I titoli da lui posseduti dove sono stati conseguiti, chi erano o sono i suoi maestri?Conoscere la storia e competenze dell’insegnante sono fondamentali, un esempio è che se insegna da qualche anno e pratica arti marziali da poco tempo la qualità e i contenuti dell’insegnamento potrebbero essere non chiari e soprattutto poco efficaci, ma anche un maestro esperto del suo stile di arti marziali non è detto che sia un ottimo insegnante di DIFESA PERSONALE! Quindi non soffermiamoci solo sui titoli accademici ma cerchiamo di analizzare le esperienze sul campo del formatore.
    • STEP 2: Come è strutturato il Corso? Ha un programma che si sviluppa nel tempo o ha un inizio e una fine? C’è una parte di allenamento fisico? C’è una parte di studio delle situazioni teorica e pratica? Che contenuti tecnici ha il corso?
      Un corso se “venduto” a 10 lezioni sappi che non sarà in grado di darti padronanza del tuo corpo, aver l’istinto di poter reagire nel modo migliore, poter predisporre la tua mente alla situazione di stress. Un corso continuato, con sessioni di allenamento fisico, studi di situazioni reali, analisi del progresso nell’apprendimento delle tecniche insegnate e con uno studio delle componenti psicologiche, potrebbe essere invece quello che stai cercando.
    • STEP 3: Il prezzo: non farti influenzare dal costo del corso! Così come quando andiamo a fare la spesa, non possiamo affidare la nostra salute a scelte basate solo sul prezzo, ma dobbiamo fare delle valutazioni qualitative su ciò che andiamo ad acquistare.Può capire che un corso di difesa personale sia ad un prezzo molto basso (magari perché convenzionato con un’ente comunale) ma con contenuti di altissimo livello, così come potremmo trovare un corso a prezzo elevato ma che risulta poco concreto e applicabile.Il costo risulterà corretto per noi a seconda dell’importanza che diamo alle valutazioni descritte nello Step 1 e nello Step 2.

2) Azione:

Facciamo delle prime ricerche online o tramite passaparola e andiamo in palestra. Se è possibile facciamo una lezione di prova, o assistiamo ad una delle lezioni.
Da Neofiti certamente non siamo in grado di valutare in così breve tempo la qualità dell’insegnante e del corso, considerando anche che, essendo una lezione di prova, l’insegnante vi mostrerà cose semplici, ma voi potete comunque fare due cose fondamentali: OSSERVARE e ASCOLTARE.

  1. Osservate gli allievi, alcuni saranno meno esperti e principianti come voi, altri più esperti. Il modo in cui applicheranno le tecniche neofiti ed esperti vi darà un’idea se c’è un percorso di crescita individuale, se l’insegnante è in grado di dare una progressione agli allenamenti, che porti l’allievo a raggiungere validi risultati nel corso degli anni. Può essere significativo osservare se al corso non sono presenti allievi anziani con più di 4/5 anni di pratica, per il semplice fatto che nella difesa personale come qualsiasi disciplina sportiva le tecniche si apprendono con tempo e dedizione. Sicuramente ci saranno tanti novizi e meno esperti ma certamente non solo principianti (a meno che non sia un corso nuovo)
  2. Ascoltate l’insegnante. Che carattere ha? Quanto è sicuro di sé stesso? vuole essere al centro dell’attenzione? Parla tanto? Ti stai allenando o è più il tempo che stai fermo ad ascoltare? Ricordati che stai facendo un corso che dovrebbe essere al 90% è lavoro fisico e tecnico e 10% teoria. Affinché il corpo apprenda movimenti nuovi e reagisca a stimoli esterni, è necessario studiare e ripetere molte volte i nuovi schemi motori per fare in modo che la mente li riconosca come un movimento naturale e istintivo.

3) REAZIONE:

Vai a casa e sei soddisfatto della lezione?

Se la risposta è negativa molte volte si tende a pensare che la disciplina non sia adatta a voi e si corre il rischio di generalizzare e ritenere che probabilmente tutti i corsi saranno strutturati e gestitit allo stesso modo. Niente di più falso! Riparti dalla tua indagine iniziale di scuole che fanno corsi di autodifesa e informati partendo dallo STEP 1!

Se invece la risposta è positiva cerca di capire se la tua reazione è condizionata dai punti qui sopra e non da altri fattori. Se la tua esperienza è stata vincente… allora comincia ad allenarti!! E benvenuto nel mondo della difesa personale!

Ti è piaciuto il nostro articolo? Ne vuoi saperne di più? Passa a Trovarci in palestra o semplicemente clicca su SHARE e condividi!!!

 



Hai Bisogno di aiuto? Scrivici